La Badessa

Torino
Tel 011 83 59 40



  • la badessa

    A Torino la Cucina dei Monasteri


  • la badessa

    A Torino la Cucina dei Monasteri


  • la badessa

    A Torino la Cucina dei Monasteri




L'amore per l'eccellenza


Materie prime "povere" dal valore unico

Gli ordini monastici, le certose e i monasteri sono a centinaia nel nostro paese, sparsi sulle colline, nei punti pi¨ belli d'Italia, spesso arroccati su suggestive alture; i conventi sono isole dove Ŕ ancora possibile vivere lontani dai ritmi convulsi della vita di cittÓ e dove da generazioni si tramanda il culto di una tavola semplice, legata ai prodotti dell'orto, agli animali allevati in cortile e ai frutti ed erbe che nascono spontanei.

Attorno alle suore e ai monaci Ŕ cresciuta la fama di mistici e severi digiunatori, invece proprio dietro alle alte mura dei monasteri si Ŕ sviluppato il culto della buona tavola, un tipo di alimentazione semplice, sana e naturale, legata ai prodotti di stagione.

La cucina dei monasteri Ŕ il risultato di disparate esperienze interregionali, di felici intuizioni, Ŕ lo specchio di sagge abitudini e tradizioni perpetrate da sempre.

Al ristorante La Badessa abbiamo sposato da quasi 15 anni questa idea, "la cucina dei monasteri", raccogliendo innumerevoli ricette antiche e recenti, dono e ricerca per interpretare questa cucina unica, perchŔ non venga dimenticata e perchŔ essa continui a vivere nei nostri piatti che ogni giorno offriamo ai nostri clienti per stupirli con la semplicitÓ.



Lo Chef

Ardit Grembi, giovanissimo inizia il suo percorso di studi e di esperienze in Italia e all'estero.
Enfant Prodige della ristorazione, dimostra le sue capacitÓ fin da subito con creativitÓ e sperimentazione, attingendo dalla cucina italiana e del suo paese.

Ardit Grembi ha lavorato in diversi ristoranti con chef stellati dimostrando capacitÓ e passione per reinterpretare con personalitÓ la tradizione.

^ torna su ^
  • i nostri men¨

    Piatti curati, frutto di sapienti sperimentazioni


  • i nostri men¨

    Piatti curati, frutto di sapienti sperimentazioni


  • i nostri men¨

    Piatti curati, frutto di sapienti sperimentazioni


  • i nostri men¨

    Piatti curati, frutto di sapienti sperimentazioni


  • i nostri men¨

    Piatti curati, frutto di sapienti sperimentazioni


  • i nostri men¨

    Piatti curati, frutto di sapienti sperimentazioni


  • i nostri men¨

    Piatti curati, frutto di sapienti sperimentazioni




i nostri men¨


I piatti che qui vi proponiamo, provengono da una paziente ricerca e dalla gentile collaborazione di tanti religiosi che da ogni angolo del Paese ci hanno voluto donare consigli e ricette facenti parte, da sempre, di un'antica genuina tradizione qual'Ŕ la cucina dei monasteri.

^ torna su ^

la storia

dal bivacco alla corte del re






MARIA CATERINA OPERTI DI CERVASCA


Il nome de "La Badessa" proviene da un personaggio realmente vissuto nel secolo scorso, Maria Caterina Operti di Cervasca. La scoperta della sua straordinaria storia risale al ritrovamento del diario e del ritratto della Badessa, dai quali Ŕ poi scaturita la ricerca di fatti e dati storici. Ella nacque il 22 giugno 1801 nell'antico marchesato di Saluzzo. Suo padre, il nobile Guglielmo, imparentato con Silvestro, Abate d' Altacomba e diretto discendente del Marchese Lodovico II di Saluzzo, destin˛ l'ultimogenita Maria Caterina alla vita monastica, per non diperdere le sue sostanze tra i nove figli. Maria Caterina a diciotto anni prese i voti nel convento di Rifreddo con il nome di suor Costanza. Grazie ai suoi nobili natali, dopo diversi anni fu trasferita al Monastero della SS. Annunziata di Saluzzo, in previsione dell'imminente dipartita della Madre Badessa, ormai vecchia e malata. La morte dell'anziana Badessa avvenne infatti pochi mesi dopo e diede a suor Costanza la possibilitÓ di diventare La Badessa.

Intorno al 1831, durante gli scontri per i moti mazziniani, avvenne l'incontro tra Madre Costanza e un soldato di cui s'ignora il nome. Egli fu accolto con altri feriti al monastero e, da quest'incontro, nacque un grande amore. L'insana passione spinse la religiosa ad abbandonare il monastero per seguire il soldato. Per molto tempo ella accett˛ il ruolo di vivandiera per stare accanto a lui. Passarono anni frenetici trascorsi tra taverne e bivacchi, tra battaglie e avventure fino alla morte dell'amato, avvenuta in seguito ad un'epidemia.

Successivamente si rec˛ a Torino, dove trov˛ occupazione nelle cucine della Corte dei Savoia, nascondendo per anni la sua vera identitÓ. A lungo matur˛ esperienze importanti nella raffinata cucina di corte, elevandosi nel suo ruolo fino a diventare cuciniera personale della Regina Maria Teresa D'Asburgo, moglie di Vittorio Emanuele I, Re di Sardegna; e fu proprio la Regina, dopo aver scoperto i suoi nobili natali, a convincerla e ad aiutarla a tornare in convento per riprendere il suo ruolo di Badessa con il perdono e la benedizione della Chiesa. Negli anni che seguirono, durante l'etÓ matura, la Badessa fu famosa per la squisita accoglienza al convento, verso Nobili ed alti Prelati che ivi si recavano in preghiera e in ritiro spirituale, gustando cibi di perfezione unica, frutto del suo passato vissuto tra la semplicitÓ di un bivacco e la cucina del Re.

^ torna su ^

La Badessa

Piazza Carlo Emanuele II, 17
Torino
Tel 011 83 59 40





  • la badessa

    la cucina dei monasteri


  • la badessa

    la cucina dei monasteri


  • la badessa

    la cucina dei monasteri


  • la badessa

    la cucina dei monasteri


  • la badessa

    la cucina dei monasteri


  • la badessa

    la cucina dei monasteri


  • la badessa

    la cucina dei monasteri




Ristorante La Badessa, Torino

Orario

Pranzo: 12.30 - 14.30
Cena: 19.30 - 11.30
Chiuso il Martedý

Piazza Carlo Emanuele II, 17
10123 Torino
011 83 59 40
E- MAIL: labadessa@email.it


Seguici


Prenota online


LINKS

RISTORANTE LA BADESSA, TORINO
2016 © LA BADESSA SAS DI ROSA RATCLIF & C.
P.IVA 07250050015
Realizzazione SI Company - Torino